Landing Page - /japan-olympics-visa

Domande Frequenti

Le Olimpiadi non rappresentano solamente un evento per quanto riguarda lo sport, ma anche per il turismo stesso.

Le Olimpiadi 2020 si svolgeranno a Tokyo in Giappone. Una terra dove il passato e il futuro convivono senza che uno prevarichi sull’altro. Non è raro vedere nello skyline di Tokyo alti grattacieli mischiarsi ai tetti di antiche pagode.

In questo articolo abbiamo deciso, però, di concentrarci su mete turistiche meno mainstream. Più nello specifico: vogliamo parlarvi delle città dove si sono svolte in passato le Olimpiadi in Giappone.

Inutile dire che inizieremo proprio con la capitale giapponese Tokyo, che non è la prima volta che ospita i giochi olimpici in quanto vi furono tenuti anche nel 1946 con le Olimpiadi estive.

Tokyo è una città che da sempre esercita un certo fascino nei turisti di tutto il mondo. Una città che non dorme mai, con quartieri dalle mille sfaccettature e una storia antica che ancora vive nel presente. Come nel quartiere di Asakusa dove si trova il tempio Senso-ji il luogo di culto più antico della capitale. Fra case antiche e locali nascosti fra le viuzze, come anche i chioschi di street-food come le fritture in tempura o gli spaghetti soba, ad Asakusa si respira una Tokyo ormai persa ma mai dimenticata.

Tornando invece al presente, Tokyo offre ben altre attrattive che possono essere raggiunte facilmente. La metropolitana di Tokyo è una delle più efficienti al mondo e raggiungere anche il lato opposto della capitale può richiedere una decina di minuti!

Per esempio è possibile visitare l’area del Tokyo Dome. Il Tokyo Dome viene utilizzato per concerti, eventi sportivi e dello spettacolo ma è circondato dalle luci dei locali molto in voga fra i giovani ed il grande luna park, che offre divertimento per grandi e piccini.

Perché non spostarsi poi verso Ginza, la via commerciale di Tokyo per eccellenza con i suoi numerosi centri commerciali e boutique. Ginza è molto trafficata ma nel fine settimana si trasforma e diventa un luogo di caffè all’aperto e persone che passeggiano laddove prima c’era il traffico delle macchine.

Altri luoghi di locali e negozi sono sicuramente Shibuya con il suo famoso e molto fotografato incrocio dove si concentra la maggior parte della popolazione di Tokyo e dove si trova anche la statua del cane Hachiko, proprio davanti alla fermata della metropolitana; ed infine il quartiere di Shinjuku che è il luogo della street fashion giapponese e dove nascono nuove mode.

Gli appassionati di anime, manga e videogiochi o anche solo di elettronica non potranno non fare un giro lungo il quartiere di Akihabara. Questo quartiere è composto di negozi e negozietti di vecchie console, fumetti oppure oggettistica a prezzi spesso molto competitivi rispetto a quelli di altri paesi nel mondo.

Il quartiere di Roppongi è da sempre conosciuto come il centro della vita notturna di Tokyo, ma negli anni ha raggiunto lo status del quartiere dove si concentra maggiormente il lato artistico e musicale della città, con le numerose mostre e locali di musica dal vivo.

Per chi invece vuole ritrovare un po’ di natura anche nella trafficata Tokyo, potrà visitare il quartiere Ueno con il popolare e omonimo parco dove poter passeggiare lungo viali alberati o, se si è fortunati, anche assistere alla fioritura dei ciliegi durante il periodo primaverile dell’hanami, fino a visitare lo zoo di Ueno dove è possibile osservare più di un centinaio di specie animali diverse.

Tokyo come abbiamo visto è come un mosaico di quartieri tutti con le proprie attrazioni e una propria “anima”. Ma come abbiamo detto all’inizio, vogliamo concentrarci maggiormente sulle città che hanno ospitato le Olimpiadi e dopo Tokyo è il turno della città di Nagano.

Situata nella regione di Chubu, la città di Nagano ha ospitato le Olimpiadi invernali nel 1998. Città ben lontana dal fragore e le insegne luminose di Tokyo, la prefettura di Nagano è comunque una meta piuttosto interessante.

La natura attorno a Nagano è caratterizzata da un paesaggio montano e nella stagione invernale si possono assistere a dei veri “capolavori” naturali come nella strada alpina di Tateyama Kurobe dove la neve cade così tanto che l’unico modo per muoversi è creare delle strade in mezzo ad alti muri di neve. Creando così un paesaggio uscito fuori da un racconto fantastico.

Nagano è anche casa di uno dei siti storici più importanti del paese, ossia il castello Matsumoto che viene considerato tesoro nazionale ed è anche il castello più antico di tutto il Giappone. Sorge su un bellissimo giardino circondato dall’acqua e da alberi che durante il periodo primaverile vanno a creare scenari degni di un quadro.

Nonostante Nagano venne conosciuta a livello mondiale in tempi relativamente recenti, in Giappone la città ha un’importanza commerciale e politica da molto più tempo. Nagano è una città profondamente spirituale anche grazie all’enorme afflusso di pellegrini che giungevano da ogni parte del paese anche grazie alla presenza del tempio di Zenko-ji.

Ultima tappa del nostro “tour” è la città di Sapporo. La più grande città dell’Hokkaido nell’estremo nord del Giappone, deve la sua popolarità per le Olimpiadi invernali del 1972.

Del resto la città di Sapporo sorge in una regione che dà il proprio meglio in inverno, grazie alle numerose stazioni sciistiche e lo Snow Festival che si tiene ogni 2 febbraio nella città a colpi di palle di neve e fra artisti delle statue di ghiaccio.

Sapporo non ha nulla da invidiare ad altre città giapponesi, con il parco Odori dove poter salire sulla torre televisiva e godersi una vista mozzafiato della città dall’alto, il parco a tema Shiroi Koibito, il quartiere commerciale di Susukino ed infine la caratteristica via del ramen chiamata Ganso Sapporo Ramen Yokocho, un must per gli amanti della cucina giapponese dove poter gustare il ramen nella sua città d’origine.

Per chi, invece, cerca il relax delle tipiche onsen giapponesi è obbligatoria una visita alla sorgente Jozankei. Un centro benessere nel parco nazionale di Shikotsu – Toya che non solo cura lo spirito grazie ai paesaggi naturali ma anche il corpo con le sue acque benefiche.

Una vacanza in Giappone è sicuramente un’esperienza unica nel suo genere ed ora, grazie alle Olimpiadi, questo paese sta ricevendo l’attenzione che merita.