Volontariato in Tanzania. Richiedi il visto online e sei pronto a partire!

 
   
 
 
 
     
 

Maggiori Informazioni: Volunteer eVisa

Nel novembre 2018, la Tanzania ha introdotto il sistema di visto elettronico per consentire ai cittadini di determinate nazionalità di richiedere online un visto per la Tanzania, ingressi singoli o multipli, per scopi come turismo, affari, volontariato e studio. L'Ufficio Immigrazione della Tanzania è molto severo riguardo alla loro procedura di richiesta, chiedendo ai candidati di fare molta attenzione a compilare i loro moduli e selezionare il tipo corretto di visto in base allo scopo del loro viaggio. Molte persone viaggiano in Tanzania ogni anno per lavorare come volontari in diverse ONG. Tuttavia, spesso trovano molte battute d'arresto quando si tratta di richiedere il tipo appropriato di visto di cui hanno bisogno per tale materia e di compilare correttamente il modulo di domanda di visto.

iVisa non vuole che ti preoccupi di tutto ciò, infatti ti risparmieremo lo stress di gestire il processo di candidatura occupandocene al tuo posto. Se viaggi in Tanzania con lo scopo di volontariato, tutto ciò che devi fare è avviare la tua candidatura, fornirci informazioni sull'organizzazione con cui lavorerai e descrivere brevemente quale sarà il tuo lavoro come volontario. Entro 10 giorni lavorativi o meno riceverai il tuo visto elettronico come volontario sulla tua e-mail e sarai pronto per iniziare la tua esperienza di volontariato in Tanzania.

Documenti Necessari per la Domanda
  • Applicant Photo

  • Passport Personal Details Scan

  • Return Ticket

  • Invitation Letter

  • NGO’s Registration Certificates

  • Documents that justify the reason/purpose of travel (ove applicabile)

Istruzioni Importanti
  • I viaggiatori devono avere il passaporto con almeno 6 mesi di validità dalla data di arrivo e avere 1 pagina disponibile per il timbro del visto.

  • Il visto elettronico per volontari consente ai richiedenti un Ingresso unico in Tanzania che non deve superare i 90 giorni dopo l’arrivo.

  • Per ottenere un visto elettronico come volontario in Tanzania, i candidati devono avere un contratto di volontariato con l'organizzazione per la quale presteranno volontariato, nonché una prova delle attività di volontariato di quella stessa organizzazione e una lettera di invito che confermi lo scopo del viaggio.

  • Il visto elettronico per volontariato in Tanzania è disponibile solo per i viaggiatori il cui punto di ingresso nel paese è uno dei seguenti: Aeroporto Internazionale Julius Nyerere (JNIA), Aeroporto Internazionale Kilimanjaro (KIA), Aeroporto Internazionale Abeid Amani Karume (AAKIA), frontiere di Namanga o di Tunduma.

  • Il possesso di un visto per la Repubblica Unita di Tanzania non prevede il diritto automatico di ingresso per il titolare nel Paese. L'Ufficio Immigrazione nel porto di entrata può rifiutare l'ingresso a qualsiasi persona, se ritiene che tale persona non sia in grado di soddisfare i requisiti di immigrazione o che la presenza di tale persona nella Repubblica Unita della Tanzania sia contraria agli interessi o alla sicurezza nazionali.

Testimonianze
I nostri clienti hanno storie eccezionali da raccontare su di noi

Domande Frequenti

Il visto elettronico per volontariato in Tanzania è un'autorizzazione concessa a uno straniero per entrare e rimanere nella Repubblica Unita di Tanzania allo scopo di lavorare come volontario per un'organizzazione in Tanzania per un periodo non superiore a 90 days Per Entry.
  • Applicant Photo

  • Passport Personal Details Scan

  • Return Ticket

  • Invitation Letter

  • NGO’s Registration Certificates

  • Documents that justify the reason/purpose of travel (ove applicabile)

Il costo per il visto elettronico per il volontariato in Tanzania è di EUR 86.97. Inoltre, iVisa addebita una commissione di servizio con costi che variano a seconda del tipo di elaborazione scelto:

  • Elaborazione Standard: EUR 26.09

  • Elaborazione Urgente: EUR 47.83

  • Elaborazione Super Urgente: EUR 73.93

Dipende dal metodo di elaborazione che hai scelto. Offriamo tre opzioni:

  • Elaborazione Standard: 15 Business Days.

  • Elaborazione Urgente: 13 Business Days.

  • Elaborazione Super Urgente: 10 giorni lavorativi.

La validità del visto elettronico per volontariato è di 90 days Per Entry.

I seguenti paesi possono richiedere il visto elettronico per volontari in Tanzania:

Albania

Algeria

Samoa americane

Andorra

Angola

Argentina

Armenia

Aruba

Australia

Austria

Bahrain

Bielorussia

Belgio

Benin

Bhutan

Bolivia

Bosnia Erzegovina

Brasile

Bulgaria

Burkina Faso

Burundi

Cambogia

Camerun

Canada

Capo Verde

Repubblica Centrafricana

Cile

Cina

Colombia

Comoros

Congo

Costa Rica

Costa d'Avorio

Croazia

Cuba

Curacao

Repubblica Ceca

Danimarca

Repubblica Dominicana

Ecuador

Egitto

El Salvador

Estonia

Fiji

Finlandia

Francia

Polinesia francese

Gabon

Georgia

Germania

Grecia

Groenlandia

Guadeloupe

Guam

Guatemala

Guinea

Guinea-Bissau

Haiti

Honduras

Ungheria

Islanda

India

Indonesia

Iran

Iraq

Irlanda

Israele

Italia

Giappone

Giordania

Kuwait

Laos

Lettonia

Liberia

Libia

Liechtenstein

Lituania

Lussemburgo

Macedonia

Maldive

Isole Marshall

Martinique

Messico

Micronesia

Moldova

Monaco

Mongolia

Montenegro

Marocco

Myanmar

Nepal

Olanda

Nuova Caledonia

Nuova Zelanda

Nicaragua

Nigeria

Niue

Corea del nord

Norvegia

Oman

Pakistan

Palau

Panama

Paraguay

Perù

Filippine

Isole Pitcairn

Polonia

Portogallo

Puerto Rico

Qatar

Riunione

Russia

Saint Barthelemy

Saint Martin

Saint Pierre e Miquelon

San Marino

Sao Tome e Principe

Arabia Saudita

Serbia

Slovacchia

Slovenia

Corea del Sud

Sudan del Sud

Spagna

Sudan

Suriname

Svezia

Svizzera

Siria

Taiwan

Tailandia

Timor Est

Togo

Tunisia

Turchia

Ucraina

Emirati Arabi Uniti

Regno Unito

Stati Uniti d'America

Uruguay

Isole Vergini americane

Venezuela

Vietnam

Wallis e Futuna

Yemen

Ti preghiamo di contattare il nostro servizio clienti per i dettagli.
Ti preghiamo di contattare il nostro servizio clienti per i dettagli.

Sebbene la maggior parte degli Italiani è più familiare con i paesi che compongono l’Europa, spesso nell’immaginario comune si vedono gli altri continenti come dei blocchi unici di cui si conosce solo una manciata di stati. Pensiamo, ad esempio, all’Asia di cui magari conosciamo il Giappone, la Cina e l’India o, come in questo caso, dell’Africa.

Pensare al Continente Antico come un unico blocco è tanto sbagliato quanto offensivo: ogni paese che compone questo mosaico possiede svariate meraviglie da offrire da un punto di vista turistico e una propria storia che merita di essere scoperta.

Parliamo ad esempio della Tanzania: sotto all’Uganda e al Kenya, di lato al Congo e sopra alla Zambia, il Malawi e il Mozambico si trova questo splendido paese rinomato in particolare per la sua storia e per il contatto con la natura.

In questo piccolo approfondimento andremo a vedere le cose principali da sapere per organizzare un viaggio verso questo paese. Se, infatti, un tempo viaggiare in Tanzania o in qualsiasi altra nazione così lontana dall’Italia poteva sembrare un sogno irraggiungibile, oggi non è più così.

Il costo dei voli e degli alloggi è diminuito così da venire incontro alle tasche di molte più persone e anche i documenti necessari, che una volta erano associati a un tedioso percorso burocratico, oggi non sono più un problema. Con un passaporto (che è possibile ottenere una volta e poi sarà valido per dieci anni) e il visto, il quale può essere richiesto direttamente online tramite iVisa, oggi è possibile visitare quasi tutte le nazioni del mondo e scoprirne le loro bellezze. Da dove potrebbe cominciare il nostro viaggio in Tanzania? Come abbiamo detto in precedenza, è la natura a fare da padrona in questo luogo, per questo risulta essere la destinazione ideale per chiunque cerchi un contatto con la terra e voglia scoprire piante e animali che vivono nella culla della vita.

Il nostro viaggio parte nell’Area di conservazione Ngorongoro, un’oasi di dimensioni gargantuesche che unisce natura, storia umana e animali. Al suo interno troviamo infatti l’Ol Doinyo Lengai, uno dei principali vulcani e montagne su cui è possibile cimentarsi in attività di hiking e arrampicata. La Gola di Olduvai è nota in particolare per essere stata il luogo in cui sono stati trovati i primi resti umani della storia, per chi desidera vedere dove è iniziato tutto il percorso che oggi ci ha portato a essere qui.

La natura trionfa lungo il Ndutu Lake: le sponde del lago diventano la meta ideale per il safari e per vedere le mandrie di gnu che si muovono lungo il paese, così come il safari che è possibile provare nel famoso cratere Olmoti.

Se Ngorongoro è una meta di indubbio valore naturalistico, lo stesso si può dire anche per il Parco Nazionale del Serengeti: la migrazione degli gnu trova qui il suo apice, e ciò da al turista la possibilità di scattare foto uniche nel loro genere, oltre al fiume infestato dai coccodrilli… non l’ideale per una nuotata rinfrescante, ma un punto imperdibile per chi vuole ammirare questi affascinanti animali.

Altro parco nazionale, altri animali da scoprire: in quello del Tarangire troviamo gli elefanti e le zebre, due delle specie più caratteristiche che ha da offrire il Continente Nero, per poi allontanarci leggermente dalla natura e scoprire una delle città più caratteristiche della zona: Stone Town e i suoi vicoli stretti. Qui la storia e la cultura del luogo si uniscono dando la possibilità ai turisti di girare per il mercato di Darajani o scoprire la meravigliosa costruzione dell’Old Dispensary.

Anche Dar es Salaam è una meta ideale per chi vuole un break da tutta la natura e gli animali. Così dopo aver visitato il Lago Manyara dove si radunano i rosa fenicotteri e il Parco Nazionale associato (dove è possibile trovare anche i placidi, ma non troppo, ippopotami), il turista si può riposare nella città portuale e scoprire i mercati del pesce famosi in tutto il mondo e le spiagge bianche tropicali.

Tante sono le mete di cui potremmo continuare a parlare: il Parco Nazionale di Arush, il Machame dove è possibile fare hiking e ancora molto altro, ma il tempo a nostra disposizione è limitato e abbiamo ancora molto di cui parlare. Questo perché, nel programmare una vacanza in Tanzania, è bene tenere di conto di diversi fattori che possono giocare un ruolo fondamentale nel successo o fallimento del nostro viaggio.

Primo fra tutti quello del clima: come sapranno la maggior parte delle persone che ha viaggiato o ha organizzato un viaggio verso il continente africano, è sempre opportuno tenere di conto dell’influenza che ha la vicinanza ai tropici e all’equatore sulle piogge.

Come ogni paese tropicale, infatti, anche in Tanzania troviamo due stagioni in cui le precipitazioni sono particolarmente intense. Purtroppo l’estensione e la conformazione del paese (come la presenza di un altopiano che presenta un clima ben diverso rispetto a quello delle coste. Per questo sarà necessario fare una ricerca approfondita in base alla zona che si vuole visitare, ma in genere si parla di una stagione delle piogge che è particolarmente intensa durante la primavera e l’autunno.

In alcune zone questa si estende anche durante l’inverno, creando di fatto un lungo periodo di piogge che va da ottobre a maggio, per questo sarà necessario programmare la propria vacanza tenendo di conto di questo aspetto.

Oltre al clima, quando si viaggia in un paese diverso dal nostro è bene tenere di conto delle differenze per quanto riguarda la cultura e le leggi, per non correre il rischio di infrangerle involontariamente. Una delle prove di come sia facile tutto ciò risiede nel fatto che dal 2019 la Tanzania ha reso illegali e proibiti i sacchetti di plastica nel paese per contrastare l’inquinamento e proteggere l’ambiente. Questo si applica sia alla compravendita sul suolo, sia a quello che possono essere portati con noi nella nostra valigia (non è così raro che nel nostro bagaglio ci siano oggetti avvolti un sacchetto di plastica) per questo è bene informarsi a priori.