Visto F per la Cina: a cosa serve e come richiederlo

Visto F per la Cina: a cosa serve e come richiederlo

iVisa | Aggiornato il Feb 24, 2019

La Cina è attualmente la seconda potenza economica mondiale: non stupisce dunque che, oltre ai turisti, ci siano altri viaggiatori interessati a visitare il Paese per i motivi più disparati.

China

Ad esempio, potresti essere stato invitato ad una conferenza internazionale o far parte di un progetto di scambio culturale. Queste situazioni, sempre più frequenti grazie ai numerosi accordi tra le istituzioni, non possono essere considerate di mero turismo e vanno inquadrate in un’altra forma di relazione con la Cina.

Con questo articolo, affrontiamo una particolare tipologia di permesso, il visto F e come ottenerlo.

A chi si rivolge il visto F

Il Visto cinese di tipo F è pensato per coloro che intendono soggiornare in Cina perché impegnati in attività non commerciali. Esempi di queste attività sono la partecipazione a progetti di scambio interculturale, ricerche, visite presso enti o istituti.

Insomma tutto ciò che non è categorizzato come business, ma non è nemmeno turismo. È certamente ideale per ricercatori o professionisti che vengono invitati a convegni o conferenze.

La durata di tale attività deve essere inferiore ai sei mesi.

Come farne richiesta

Innanzitutto, per il rilascio di tale visto, l’unica opzione disponibile è la visita presso un consolato (in Italia c’è uno a Firenze) o uno dei centri per visiti autorizzati, i Chinese Visa Application Service Center (presenti a Roma e a Milano).

I documenti richiesti per presentare la domanda per un visto cinese F sono:

  • Passaporto originale con una validità residua di almeno 6 mesi;
  • Modulo di Richiesta per il Visto, scaricabile dal sito ufficiale visaforchina.org (nella sezione italiana) o dal sito del consolato cinese a Firenze, compilato in ogni sua parte;
  • Una fototessera recente, formato 48mm x 33mm;
  • Copia della prenotazione dei voli andata e ritorno;
  • Lettera d'invito emessa da enti o organizzazioni cinesi (denominata “Invitation Letter of Duly Authorized Unit”).

Nella lettera devono essere specificati i dati del responsabile invitante (nome e cognome, indirizzo di residenza in Cina, numero di telefono, firma), quelli del richiedente il visto, ed alcune informazioni generali sulla visita (date di ingresso e uscita dalla Cina, relazione tra l'invitante e l'invitato, città da visitare durante il viaggio in Cina, ecc.)

Il costo del visto è il medesimo di un visto turistico di tipo L, ovvero 127,10 € (quando richiesto presso i Chinese Visa Application Service Center). Come già accennato, questo visto si rivolge a coloro che andranno in Cina per un’attività non commerciale e deve essere richiesto presso le autorità competenti.

Se invece stai cercando un visto turistico ma non sai come muoverti, iVisa.com è la soluzione!

Siamo specializzati in servizi di supporto alle pratiche per l’ottenimento di visti turistici per tantissimi paesi nel mondo e grazie al nostro customer service multilingue, siamo in grado di rispondere ad ogni tua domanda e a seguirti nell’intero processo di rilascio del visto.

La Cina ti aspetta! Mettici alla prova, verificando i requisiti necessari per il tuo visto, e scopri le nostre vantaggiose tariffe.

Condividi questo articolo su: