Ottieni Subito Online il tuo Visto Elettronico per Visitatori ETA per l’Australia

 
   
 
 
 
     
 

Maggiori Informazioni: ETA

Il sistema ETA è stato introdotto nel 1996. Fornisce l'autorizzazione per viaggiare ed entrare in Australia ed è collegato elettronicamente al tuo passaporto. Al momento del check-in in aeroporto per il volo con destinazione Australia, gli addetti al check-in possono confermare elettronicamente che il viaggiatore ha il permesso di imbarcarsi sul volo per l'Australia. L'ETA per l’Australia è disponibile per i cittadini di oltre 50 paesi.

L'ETA è un'autorità elettronica per i viaggi in Australia per motivi turistici o di affari a breve termine e per richiedenti al di fuori dell'Australia. Sostituisce l'etichetta o il timbro del visto sul passaporto e riduce per i viaggiatori la necessità di recarsi presso un'ambasciata australiana. L'ETA per l’Australia consente al titolare di fare ingresso in Australia un numero illimitato di volte nel corso del periodo di validità, che è di 1 anno dopo l'emissione. La durata massima di ogni visita è di 90 days Per Entry.

Documenti Necessari per la Domanda
  • Un passaporto valido.

  • Una carta di credito/debito o un account Paypal.

Istruzioni Importanti
  • Il visto ETA australiano è un visto a più ingressi con una validità di 1 anno dopo l'emissione, che consente una permanenza massima di 90 days Per Entry.

  • Puoi rimanere successivamente alla scadenza del visto, ma non oltre 90 days Per Entry.

  • Il tuo visto ETA non ti consente di lavorare in Australia: consente solo viaggi per motivi di affari o di turismo.

  • Se hai un nome lungo o più nomi, sul tuo visto compariranno solo le prime 24 lettere.

  • Le persone con doppia nazionalità devono scegliere la nazionalità in base al passaporto da utilizzare per il viaggio.

  • Il tuo passaporto deve essere valido (non scaduto) quando prendi il tuo volo ed entri in Australia. Deve essere un passaporto ordinario/regolare.

  • Il visto ETA è collegato elettronicamente al numero di passaporto. Non vi è alcun timbro o etichetta sul passaporto.

  • Come titolare di un visto ETA puoi soggiornare per un massimo di 90 days Per Entry.

  • Se per qualsiasi motivo ti viene rilasciato un nuovo passaporto, devi inoltrare una nuova domanda di rilascio di visto ETA per l’Australia.

  • Il visto ETA è valido fino alla data di scadenza in esso indicata, data che indica l'ultimo giorno in cui si ha il permesso di entrare in Australia.

  • L'ETA per l’Australia sarà valido o per 1 anno dopo l'emissione, dalla scadenza del passaporto o prima se è già presente un visto nel sistema di immigrazione. Ad esempio, se l'approvazione del visto ETA è prevista per giugno 2018, ma il passaporto scade febbraio 2019, l'ETA scadrà nella stessa data del passaporto, altrimenti a giugno 2019.

Testimonianze
I nostri clienti hanno storie eccezionali da raccontare su di noi

Domande Frequenti

Un’Autorizzazione di Viaggio Elettronica (ETA) fornisce l'autorizzazione per viaggiare ed entrare in Australia ed è collegata elettronicamente al tuo passaporto. Serve per soggiorni brevi per motivi di turismo o di affari, come ad esempio la partecipazione ad un convegno, ad un incontro per affari o per la negoziazione di un contratto.

Per inviare la tua domanda, abbiamo bisogno di:

  • Un passaporto valido;
  • Una carta di credito/debito e di un indirizzo e-mail per la conferma.

COME SCATTARE LA FOTO PERFETTA DEI DOCUMENTI RICHIESTI: Guarda il nostro video

È prevista una commissione di servizio di EUR 17.64 per l'elaborazione standard. Per l'elaborazione urgente e per l'elaborazione super urgente la commissione di servizio è rispettivamente di EUR 44.09 e di EUR 61.73.

Dipende dal tempo di elaborazione che scegli. Offriamo tre opzioni:

  • Elaborazione Standard: 24 ore

  • Elaborazione Urgente: 4 ore

  • Elaborazione Super Urgente: 1 ora

Il visto ETA è valido fino alla data di scadenza in esso indicata, data che indica l'ultimo giorno in cui si ha il permesso di entrare in Australia. La data di scadenza dell'ETA australiano sarà o 1 anno dopo l'emissione, o la scadenza del tuo passaporto, o prima se esiste già un visto attivo nel sistema dell'immigrazione. Ad esempio, se l'approvazione del visto ETA è prevista per giugno 2018, ma il passaporto scade a febbraio 2019, l'ETA scadrà nella stessa data del passaporto, altrimenti a giugno 2019.
Devi avere un passaporto valido (non scaduto) e un visto valido quando ti imbarchi sul volo e quando fai ingresso in Australia.
L’ETA per l’Australia consente al titolare di viaggiare in Australia per tutte le volte che lo desidera, nel periodo di validità di 1 anno dopo l'emissione. La durata massima di ciascuna permanenza è di 90 days Per Entry. Il tuo visto ETA è collegato elettronicamente al tuo numero di passaporto. Non ci saranno timbri o etichette sul passaporto.
Sì, l'ETA offre più ingressi. Tuttavia il soggiorno massimo è di 90 days Per Entry
Possono richiedere un ETA per l’Australia i cittadini di alcune nazioni, se soddisfano certi requisiti. Scorri in alto per controllare i requisiti per il rilascio del visto per il tuo paese.
Ti preghiamo di contattarci non appena possibile tramite chat online. Se il tuo visto è stato elaborato, dovrai pagare un costo extra di EUR 17.64
Sì. Sono le seguenti:
  • Non puoi lavorare
  • La permanenza non deve essere superiore a 3 mesi (per ciascun viaggio)
  • Non devi avere la tubercolosi
  • Non devi avere condanne penali.
No. L'ETA australiano deve essere ottenuto prima del tuo ingresso in Australia.
L’ETA per l’Australia consente permanenze di massimo 90 days Per Entry. Puoi rimanere anche successivamente alla scadenza del visto, ma comunque non oltre 90 days Per Entry.
Sì. Tutti i viaggiatori DEVONO ottenere un ETA prima della partenza, a prescindere dall’età. Ogni persona deve presentare una domanda separatamente. Se tuo figlio o i tuoi figli sono collegati al tuo passaporto, sarai comunque tenuto a presentare domande separate per ciascuno.
Se parti entro 8 ore dall’arrivo, hai documenti relativi alla successiva prenotazione e permarrai in sala di transito, non ti servirà un ETA. Ai viaggiatori di talune nazioni, tuttavia, potrà essere richiesto un visto di transito. Ti invitiamo a visitare questo sito web per ulteriori informazioni.
No. NON vi è necessità di fornire un biglietto aereo. Puoi richiedere il tuo ETA prima di avere acquistato un biglietto.
Sì. Devi solo avere un passaporto valido (non scaduto) e un visto valido quando ti imbarchi sul volo e quando fai ingresso in Australia.
No, non è necessario. Il periodo di validità dell’ETA decorre dalla data indicata sull’ETA approvato. Puoi fare ingresso in Australia in una data qualsiasi all’interno del periodo di validità.
Devi completare una nuova richiesta di visto ETA. La domanda di visto ETA precedente verrà annullata una volta emesso il nuovo ETA.
Non è possibile ottenere un nuovo ETA utilizzando lo stesso passaporto fino a quando il primo ETA non scade. Se si perde il passaporto che contiene l'ETA effettivo e valido, è possibile richiedere un nuovo ETA pagando di nuovo la relativa tariffa.
Se hai richiesto un ETA, puoi informarti su questo sito per scoprire il suo stato attuale. Dovrai effettuare l'accesso per fare questa richiesta e rinnovare l'ETA, se necessario.

La vaccinazione contro la febbre gialla è necessaria se si viaggia da una nazione a rischio di trasmissione di febbre gialla.

Ulteriori informazioni nel link seguente:

https://www.who.int/ith/ITH_Annex_I.pdf

Probabilmente sai come l'Australia ha iniziato ad esistere nella formula che abbiamo oggi. Si tratta dell'isola in cui gli inglesi hanno mandato i propri prigionieri in esilio per separarli dal proprio popolo. Anche se gli inglesi finirono per fondare una colonia penale in Australia, furono proprio gli olandesi a segnare l'arrivo europeo. Quindi, in un paese formato da immigrati, sarebbe piuttosto sciocco non riuscire a migrare, non credi? Non è corretto affermare che l'intera Australia fosse una colonia penale. C'erano anche gli indigeni. E, naturalmente, più paesi seguirono gli inglesi nel formare le proprie colonie. Anche questo è di scarsa importanza ora. Potrebbe essere utile ricordare la storia, non ripeterla come si suol dire, ma dobbiamo pensare al futuro. La domanda che potresti avere in mente è se l'Australia sia o meno accogliente. La risposta più breve è che sì, è molto accogliente. Ma sembra che non lo sia per tutti. Potresti aver sentito alcune notizie in cui si dice che il presidente Trump abbia recentemente visitato il paese e preso in giro la politica australiana riguardo agli ingressi delle persone. Conosciamo tutti la sua politica sull'immigrazione, ma a parte questo, c'è qualcosa di vero in questo? Apparentemente, l'Australia non era "buona" come lo è ora. Ha avuto un conflitto nei riguardi delle persone che arrivavano illegalmente sul continente in barca . Anche se non è irragionevole perché non puoi semplicemente andare in un paese straniero senza permesso, rappresenta comunque un problema serio. Nessun paese può accettare ciò. A meno che, ovviamente, tu venga dall'Unione Europea e viaggi all'interno della comunità. Comunque, tornando alla nostra storia in Australia, il problema riguardava i rifugiati. L'intera storia è iniziata nel 2001, quando un mercantile norvegese, la MV Tampa, ha salvato oltre 400 iracheni e afgani da una nave che stava affondando. La storia era più complicata, ma questo era il problema più evidente. Il mercantile entrò nelle acque australiane e voleva lasciare lì tutti i sopravvissuti, ma l'operazione fu rifiutata. In quel periodo, l'Australia ottenne una certa attenzione internazionale per quanto riguarda l'immigrazione. Non puoi soltanto incolpare i funzionari australiani. Volevano mantenere il loro paese al sicuro dagli immigrati clandestini. Dal momento che è circondato da acqua, ogni straniero che arriva in barca viene accuratamente controllato per verificare se vi sia contrabbando e quant'altro. Ecco perché il nostro consiglio è che se vuoi viaggiare in Australia, è meglio prendere un viaggio aereo. Devi comunque avere a che fare con le dogane e tutto il resto, ma la procedura è molto più facile da superare. Se ci chiedi se i funzionari australiani gestiscano bene il problema dell'immigrazione, possiamo risponderti di sì. Naturalmente, la comunità internazionale e i difensori dei diritti umani sono rimasti colpiti negativamente quando sono stati aperti i due centri di detenzione offshore, uno a Nauru e l'altro a Manus Island in Papua Nuova Guinea, e di conseguenza, la Corte Suprema ha dichiarato Manus illegale e ha chiesto che fosse chiuso. Il che è effettivamente accaduto nel 2017. Ad ogni modo, vi sono ancora alcune persone detenute a Manus, che vivono in alloggi speciali e le loro condizioni non sono molto cambiate. Ad essere sinceri, non sappiamo perché ciò susciti tanto clamore. Se qualcuno viene e installa una tenda nel tuo giardino, lo lasci vivere lì? Non proprio, vero? Dopo tutto, è il tuo cortile che appartiene a te e alla tua famiglia. Non ad un estraneo. È lo stesso con i leader australiani. Il loro primo dovere è nei confronti dei cittadini, non dei rifugiati o di altri immigrati. Per quanto possa sembrare dura, la verità non è sempre rose e fiori. Tuttavia, dovresti probabilmente sapere che l'Australia è al 6° posto nell'elenco dei paesi più accoglienti per i rifugiati. Sembra che l'intero scandalo causato dal mercantile e da successive politiche gli abbia fatto cambiare idea. Certo, hanno ancora delle regole, ma hanno trovato il modo di gestire l'immigrazione e soddisfare il pubblico allo stesso tempo. 12 mila rifugiati siriani sono arrivati ​​in Australia durante la migrazione, e questo perché l'84% dei suoi cittadini credeva che le persone che scappavano dalla guerra dovessero essere accolte e aiutate, non cacciate via. Solo per darti un dato, la media globale (della stessa opinione) era del 73%. Come puoi vedere, gli australiani sembrano aver aperto le loro braccia e i loro confini più della maggior parte degli altri paesi. Cosa significa questo per te? Forse niente. Probabilmente hai richiesto online un'Autorizzazione di Viaggio Elettronica e prevedi di andare in Australia come turista. Ma anche se sei interessato ad andare come lavoratore o studente, è possibile. Oggi, circa il 28% della popolazione australiana è composta da immigrati, e questo è proprio a causa delle politiche sull'immigrazione modificate dell'ultimo decennio e mezzo. Inoltre, molti richiedenti asilo che erano soliti venire illegalmente in Australia in barca hanno goduto dell'attenzione politica. Questo alla fine ha portato alla situazione che abbiamo oggi. Oggi l'immigrazione è un importante progetto di costruzione nazionale per l'Australia. Il governo non solo ha pianificato l'ingresso e ha migliorato le politiche, ma fornisce anche aiuti finanziari, che di per sé incoraggiano l'immigrazione. Inoltre, il passaggio dal trattamento preferenziale nei confronti degli inglesi a una politica non discriminatoria a livello nazionale è una delle cose che hanno reso l'Australia uno degli stati più accoglienti nel 2018. Inoltre, si pone l'accento sui criteri economici per tutte le categorie di migranti, sia temporaneo che permanente. Una cosa che non deve mai essere dimenticata è che la migrazione non è mai solo un problema di uno stato. Coinvolge più governi e le relazioni tra loro. Dopo tutto, i richiedenti asilo potrebbero voler tornare a casa o essere reinsediati. Ciò nonostante, ciò che l'Australia ha imparato e che possiamo prendere come esempio è che i migranti contribuiscono sia economicamente che socialmente. Dopo tutto, come pensi che l'Australia sia diventata così economicamente competitiva? Tutto è iniziato quando hanno smesso di preferire solo i migranti europei e sono diventati multiculturali. Credi davvero che il cambiamento non abbia nulla a che fare con il loro progresso nel mondo?