In evidenza

Viaggio in Nuova Zelanda? Richiedi il tuo ETA e parti subito!

iVisa.com offre un'elaborazione rapida e ti guida attraverso le procedure di richiesta di visto sin dal 2013. Non siamo affiliati con alcun ente governativo.

Non è richiesto un visto turistico

Oggi è il tuo giorno fortunato. Non hai bisogno di un visto turistico per viaggiare in questo paese. Se hai bisogno di informazioni su visto per studenti o uno d'affari, ti preghiamo di contattare l'ambasciata più vicina. Buon viaggio!

Informazioni di contatto dell'ambasciata

Maggiori informazioni: ETA

Ulteriori informazioni in arrivo!

Usa il nostro strumento calcolatore per i visti

Calcolo del costo del Visto prima della richiesta

Testimonianze

I nostri clienti hanno storie fantastiche da raccontare su di noi

Domande frequenti

Antes de ser colonizada, Nueva Zelanda era una zona habitada por tribus maoríes. En el siglo XVII, más exactamente en el año 1642, el holandés Abel Tasman descubre estas tierras. Sin embargo, luego de un enfrentamiento con la tribu dominante donde mueren tanto holandeses como maoríes, deciden abandonar la expedición y es recién en el siglo XIX que el territorio es colonizado. El 6 de febrero de 1840 se firma el Tratado de Waitangi donde la isla se convierte en colonia británica. Hasta ese entonces sólo viajaban allí europeos que se dedicaban a la caza de focas, o eran misioneros o balleneros. El único objetivo de estos viajeros era desarrollar relaciones comerciales. Es por esto que se instalaban, sobre todo, en la zona costera de la isla e incluso muchos de ellos llegaban a convivir con las tribus maoríes. Luego de la firma del tratado, como es de esperarse, los inmigrantes fueron principalmente británicos, ya que en muchos casos, eran empresas coloniales las que los incentivaban a viajar pagándoles el pasaje. Por lo tanto, con el tiempo se fueron formando distintos asentamientos de británicos que convivían en paz con las tribus locales, y que copiaban, de la mejor manera posible, el modelo de sociedad inglesa.
Hasta ese momento, las personas que llegaban a Nueva Zelanda lo hacían con el propósito de comerciar o establecerse allí para poblar las tierras. A mediados del siglo XIX, dos eventos provocaron la llegada de los primeros turistas al país. Por un lado, en el año 1869 se abre el Canal de Suez. Éste es un canal navegable construido para unir el mar Mediterráneo y el mar Rojo. De esta manera, se logró conectar Europa y el sur de Asia de manera que aquellos que quisieran desarrollar el comercio marítimo podrían hacerlo más fácilmente, sin tener que rodear todo el continente africano para llegar de un lugar a otro. Por otro lado, en el año 1869, uno de los hijos de la Reina Victoria, Alfredo, el duque de Edimburgo (luego Alfredo de Sajonia-Coburgo-Gotha), viajó hasta allí en el Galatea, convirtiéndose en el primer miembro de la familia real británica en visitar el país. En su primer viaje, arribó a Wellington. En el año 1870 realizó un segundo viaje en el mes de septiembre, en el que visitó Sídney (Australia). Finalmente, en diciembre volvió por tercera vez a la ciudad de Auckland, donde pasó mucho tiempo con las tribus maoríes. Estos dos sucesos incentivaron la llegada de los primeros turistas. En un principio, provenían de Gran Bretaña y los Estados Unidos. Eran personas adineradas que pasaban meses visitando distintas partes del mundo y que incluían a Nueva Zelanda como parte de ese recorrido. Además, a principios de la década de 1880, Frances Ellen Talbot (conocida por el seudónimo de Thorpe Talbot) publicó la primera guía turística sobre Nueva Zelanda.
Desde la llegada de los primeros viajeros, el principal atractivo turístico del país siempre ha sido su naturaleza. Y no hablamos sólo de sus majestuosas montañas, sino también de los bosques y géiseres que se pueden encontrar allí. En el medio de la naturaleza, se desarrollaron distintos tipos de complejos turísticos y refugios que resultan altamente atractivos para el turismo. Por supuesto, otra gran atracción turística consistía en adentrarse en la cultura maorí y conocer los integrantes de estas tribus. Aun así, podemos decir que lo que dificultó el desarrollo de esta industria, en un primer momento, fue la lejanía del país y las dificultades para trasladarse allí; así como también, una vez en Nueva Zelanda, las dificultades mismas del terreno y los pocos recursos para poder adentrase en la naturaleza. Sin embargo, gracias a los avances tecnológicos que trajo el comienzo del siglo XXI, a partir del año 2000, la industria turística se desarrolló exponencialmente. Ésta logró posicionarse como el aspecto más redituable para el país y como una gran fuente de trabajo para sus habitantes en general, llegando a representar, en esos años, alrededor del 9 % del PBI.
Si bien el turismo internacional a principios del siglo XX estaba formado, en su mayoría, por turistas australianos, hoy en día esto ya no es tan así, y se han incorporado viajantes tanto de países de Europa como de Asia (Japón, China, etc.). Una gran parte del turismo está compuesta por turistas locales. Los neozelandeses tienen la costumbre de tomarse sus vacaciones para viajar a distintas zonas de su país y visitar a familia y amigos.
Para viajar a Nueva Zelanda hay más de 60 países que pueden hacerlo sin necesidad de tramitar una visa, y pueden quedarse allí hasta 3 meses con esta modalidad. Quienes estén exentos deberán, a partir de finales de 2019, tramitar una autorización electrónica de viaje denominada ETA. Ésta tendrá un costo de entre NZD 9 y NZD 12, y una validez de 2 años. El costo dependerá de si el trámite se realiza a través de la página web o de la aplicación móvil. La solicitud se completará de manera muy rápida y sencilla, en no más de 10 minutos. Simplemente, se deberá cargar una copia de los datos biométricos e ingresar la información de contacto del solicitante junto con una descripción detallada sobre el motivo del viaje. Se estima que, una vez que se completa todo lo requerido, se recibirá una respuesta en tan sólo 72 horas. También, se deberá abonar un impuesto adicional de NZD 35 denominado IVL (International Visitor Conservation and Tourism Levy). Es importante destacar que aquellos que sólo quieran visitar las islas Cook, podrán hacerlo sin visa independientemente de su nacionalidad, y podrán permanecer en las islas durante 30 días, con la posibilidad de extender este período por hasta 6 meses. Los requisitos para aquellos que sí necesiten tramitar una visa incluyen: poseer un pasaporte con una validez mínima de 3 meses luego de la fecha en la que se planea dejar el país, tener un pasaje emitido con las fechas de ida y vuelta, suficiente dinero para costear los gastos del viaje, etc. El trámite se puede realizar de manera personal en una embajada o representación consular de Nueva Zelanda, donde también se puede realizar todo tipo de consulta relacionada con este tema.

Un visto elettronico è un documento ufficiale che consente di fare ingresso e di spostarsi all'interno di un determinato paese. Il visto elettronico è un'alternativa ai visti rilasciati nei punti di ingresso o da un'ambasciata/consolato, dove ci si può recare per ottenere i visti cartacei tradizionali. I visti elettronici sono collegati elettronicamente al passaporto del viaggiatore.

Il nostro servizio parte con le informazioni. Puoi utilizzare il nostro aggiornato strumento per i requisiti di visto per vedere se hai bisogno di un visto di viaggio. Dovrai solamente dirci da dove vieni e dove stai andando. Sulla base di queste informazioni, ti diremo quanto costa il visto, il numero di ingressi e la data di inizio; ti forniamo anche la possibilità di fare direttamente richiesta sul nostro sito!

Il posto migliore per trovare queste informazioni è il nostro strumento per i requisiti di visto. Ogni paese ha regole di ingresso e commissioni sui visti differenti. Se sei di fretta puoi anche fare richiesta online e il modulo ti fornirà anche queste informazioni.

Dipende dal paese che rilascia il visto. Per molti paesi, come l'ETA per l'Australia e il visto elettronico per la Turchia, la procedura può essere completata in 15 minuti tramite il nostro servizio urgente. Per altri paesi, come l'India e il suo visto turistico, la procedura richiede in genere 24 ore. Il tempo esatto si trova su ogni modulo di domanda. Ciò che garantiamo è che la tua domanda presentata con iVisa sarà il modo più veloce per inoltrare la tua richiesta.

I documenti devono essere stampati su un foglio di carta bianco in formato A4. Non saranno accettate stampe fronte/retro o in dimensioni ridotte.

Ti aiutiamo a ottenere il tuo visto di viaggio nel modo più semplice e veloce possibile. Tramite moduli di domanda online facili da usare e un servizio clienti eccellente 24/7, rendiamo l'intera procedura del visto semplice e veloce! Adottiamo anche le pratiche migliori per la protezione dei tuoi dati personali e di quelli della carta di credito.

iVisa offre due tipi di visti: visti elettronici (e-visa) e visti cartacei tradizionali, a seconda della destinazione. Inoltre, offriamo anche i seguenti servizi/documenti che sono richiesti da alcuni paesi: ETA (autorizzazione di viaggio elettronica), carte turistiche, visto all'arrivo, modulo di pre-registrazione/approvazione, lettere d'invito turistiche e servizio di registrazione dell'ambasciata.

  1. Seleziona il paese per cui stai richiedendo il visto
  2. Seleziona il tipo di visto e leggi attentamente le istruzioni.
  3. Seleziona Richiedi ora
  4. Compila il modulo di domanda
  5. Paga con una carta Visa, Mastercard o un'altra carta di debito.
  6. Attendi l'approvazione via email, quindi scarica e stampa il visto elettronico dal tuo account.
  7. Presenta il tuo visto elettronico stampato all'addetto all'immigrazione del punto di ingresso.

Ti preghiamo di notare che la maggior parte dei paesi offre la possibilità di richiedere un visto di viaggio senza commissioni di servizio. Il motivo principale per cui elaboriamo migliaia di visti di viaggio ogni mese è che noi ti facciamo risparmiare tempo e frustrazione. Il nostro servizio offre un sito web e un modulo di domanda facili da usare. È molto più semplice elaborare la tua domanda con noi, in particolare per gli utenti da mobile e per i gruppi numerosi. Inviamo a tutti i nostri clienti i visti alcuni giorni prima del viaggio. Ciò è particolarmente utile per quei passeggeri che acquistano il visto con mesi di anticipo. Abbiamo anche un servizio clienti attivo 24 ore su 24 con professionisti localizzati negli Stati Uniti e che parlano inglese. Accettiamo più valute e il nostro sito web sarà tradotto in oltre 20 lingue. Crediamo che le nostre commissioni valgano il tuo tempo e la tua comodità, ma tieni presente che tutti i governi hanno il proprio servizio "gratuito".

Se hai già fatto domanda sul nostro sito, ti preghiamo di accedere al tuo account e di cercare il tuo ordine/la tua richiesta. Un account viene generato automaticamente dopo il ricevimento del pagamento. Fai clic sul collegamento nell'e-mail di conferma per impostare una password o visitare la pagina di accesso per impostare la password ed entrare nell'account. Si prega di notare che nella maggior parte dei casi il visto verrà consegnato via e-mail e si trova nell'account dopo l'accesso.

Se la tua domanda di visto non viene approvata dall'agenzia governativa, ti forniremo un rimborso completo ai sensi della nostra garanzia di approvazione. Se per qualsiasi motivo, non sei soddisfatto del nostro servizio, contattaci via chat e ti rimborseremo il costo del servizio. Se nella tua richiesta viene commesso un errore, elaboreremo nuovamente il tuo visto senza alcun costo. Si prega di notare che i rimborsi vengono riaccreditati sulla stessa carta di credito utilizzata.

Se non abbiamo elaborato il visto, possiamo apportare modifiche senza problemi. Controlliamo anche le tue informazioni in caso vi siano errori. Se hai già richiesto l'elaborazione del tuo visto, se abbiamo presentato la tua richiesta alle agenzie governative competenti, in alcuni casi sarà possibile apportare modifiche, in altri no. Ti preghiamo di contattarci immediatamente (preferibilmente tramite chat) se noti un errore nella domanda.

Alcuni paesi potrebbero richiedere un'attestazione di vaccinazione contro la febbre gialla, se provieni da un paese a rischio di febbre gialla. Puoi trovare maggiori informazioni qui: https://wwwnc.cdc.gov/travel/destinations/list
È responsabilità del passeggero verificare tali normative prima di recarsi nel paese prescelto.

Per scaricare la tua fattura, ti preghiamo di accedere al tuo account e di scaricarla direttamente da lì.

Puoi ristampare il visto elettronico dal tuo account di posta elettronica. In alternativa, puoi recuperare e ristampare il visto elettronico tramite il tuo account iVisa.

Sì. Il sistema di iVisa non conserva i dati della carta di credito dopo l'elaborazione della transazione.

Tutti i visti consentono ai viaggiatori di potersi recare nel punto di ingresso di un paese. Il consenso all'ingresso o meno sarà accordato a discrezione del responsabile dell'immigrazione del punto di ingresso.

Se la tua domanda di visto non è stata ancora presentata per la sua elaborazione, riceverai un rimborso completo. Tuttavia, se la tua domanda è stata inviata, non potremo erogare il rimborso.

Quando il visto ti deve essere spedito, i tempi di elaborazione non includono questo tempo. Va, infatti, da quando riceviamo la tua richiesta all'approvazione della stessa. La maggior parte dei visti (visti elettronici) vengono inviati via e-mail previa approvazione, pertanto non ci saranno tempi di spedizione.

No, non siamo affiliati con agenzie governative. Siamo una società privata specializzata nell'elaborazione di visti di viaggio per i viaggiatori di tutto il mondo.

Sfortunatamente, non siamo in grado di farlo, dal momento che le agenzie governative non ci informano delle ragioni alla base delle loro decisioni.

Se il visto non viene approvato, ti consigliamo di contattare l'ambasciata/il consolato più vicino per ulteriori informazioni e capire cosa puoi fare.

Accettiamo Visa, Master Card, American Express e PayPal.

Per i cittadini di questi territori che fanno richiesta attraverso il nostro sito la domanda verrà trattata sulla base della nazionalità/cittadinanza indicata sul passaporto. Ad esempio, la richiesta di un viaggiatore di Porto Rico verrà elaborata come nazionalità statunitense. Questo non si applica ai viaggiatori che rientrano nella categoria BOTC (British Overseas Territories Citizen), ai sensi del British Overseas Territories Act del 2002.

Need Help?